Menu Content/Inhalt
Home arrow Mobili - Arredamento arrow Mobili arrow Incentivi per la rottamazione di Mobili , Elettrodomestici usati
expedia_h
 
26724
Incentivi per la rottamazione di Mobili , Elettrodomestici usati Stampa E-mail
thumb_rottamazione_mobili
promoroma
Incentivi Rottamazione
Mobili - Elettrodomestici
Come ottenerli
Incentivi Elettrodomestici
Promozioni mobili
Mobili Antiquariato

cartellone_pubblicita#330000
ominohome_wht SE ANCHE TU VUOI ESSERE VISIBILE QUI', CLICCA 
Proposta di partecipazione a: 
girandola.gif Per guadagnare con i progetti Happy, clicca
RIVENDITORI   FORNITORI
   
rottamazione_mobili  
Indirizzi di Rivenditori dove e' possibile ottenere gli incentivi o contributi sulla rottamazione di Mobili, Elettrodomestici, Lampadari, Arredamento usato   
 
  
RIVENDITORI
DOVE ROTTAMARE
MOBILI CUCINA  ELETTRODOMESTICI   LAMPADARI ARREDAMENTO 
top

RIVENDITORI DOVE OTTENERE BONUS PER ROTTAMAZIONE DI MOBILI  CUCINA 
RIVENDITORI  LAZIO LOMBARDIA PIEMONTE  PUGLIA VENETO

LAZIO ROMA PROVINCIA ROMA FROSINONE LATINA RIETI VITERBO 

 ROMA    
varchetta
PERMUTA USATO
ROTTAMAZIONE MOBILI
VARCHETTA ARREDAMENTI
TORVAIANICA: Via Danimarca, 133 - tel. 06-9174555
OSTIA: Via Diego Simonelli, 89/95 - tel. 06-5684355
ROMA: Via G.B. Bodoni, 39/43 (Testaccio) - tel 06-57289174
Marche: Scavolini - Le Fablier - Bontemoi - Doimo salotti Piombini - Calligaris
aperto la domenica  preventivi gratuiti  consegna e montaggio gratis pagamento fino a 60 mesi senza anticipo e cambiali
 - arredamentivarchetta@alice.it
varchetta.1
top    

RIVENDITORI DOVE ROTTAMARE ELETTRODOMESTICI USATI
ROMA E PROVINCIA
   

RIVENDITORI DOVE ROTTAMARE LAMPADARI E ACCESSORI ARREDAMENTO USATI
ROMA E PROVINCIA
 
top  

INFORMAZIONI SUGLI INCENTIVI PER LA ROTTAMAZIONE DI MOBILI E ELETTRODOMESTICI anno 2009

Venerdì 6 febbraio 2009  il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto con le misure anticrisi che intervengono a favore di alcuni settori ritenuti chiave, lanciando comunque degli incentivi agli acquisti in chiave ecologica o di miglioramento dei consumi in generale.

Si tratta di un pacchetto dal valore complessivo di circa 2 miliardi di euro e tutte le misure scadono il 31 dicembre 2009. Il provvedimento però ha anche sollevato delle critiche - da imprese, sindacati e associazioni dei consumatori - perché giudicato troppo limitato per dare una vera spinta all’economia, in un momento così difficile per famiglie e imprese.

Sono previsiti incentivi anche per la rottamazione di auto, moto, mobili ed elettrodomestici

FORME DI SOSTEGNO E TERMINI PER L'ACQUISTO DI MOBILI ED ELETTRODOMESTICI: sono previste detrazioni fiscali per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici: si estende l’incentivo per le ristrutturazioni domestiche anche all’acquisto di mobili ed elettrodomestici finalizzati all’arredo, ma ci sono dei paletti:

  • la detrazione è del 20% delle spese sostenute fino ad un massimo di 10 mila euro di spese (quindi 2.000 euro sull’Irpef). Lo sconto non è rimborsabile in una volta sola ma - qui siamo ancora a livello di bozze - in dieci rate annuali;
  • l’elettrodomestico deve essere ad alta efficienza energetica;
  • le nuove agevolazioni si aggiungono alle agevolazioni precedenti della Finanziaria 2009 (salvo smentite, il 20% sull’Irpef già in vigore più un altro 20% dalle agevolazioni decise ieri, quando si tratta di frigoriferi e congelatori a basso consumo);
  • non basta presentarsi e acquistare una nuova tv o un nuovo forno per avere gli sconti fiscali. Bisognerà avviare, o avere avviato (non prima però del primo luglio 2008), un preciso piano di ristrutturazione dell’immobile con tanto di richiesta all’Agenzia delle Entrate per beneficiare dello sconto Irpef del 36% sui lavori.
  • Inoltre, per ottenere i bonus previsti dal dl incentivi per mobili, elettrodomestici, Tv e computer, è necessario fare un bonifico bancario o postale, così come accade per le opere di ristrutturazione ediliza. Lo chiarisce il Servizio studi della Camera in un dossier sul decreto attualmente all’esame delle commissioni Finanze e Attività produttive di Montecitorio. Scrivono infatti i tecnici che “mentre la vigente normativa agevolativa per la sostituzione di frigoriferi  e congelatori (prevista dall’articolo 1, comma 353, della legge n. 296/2006 citata) consente l’utilizzo delle ordinarie modalità di pagamento, documentate mediante fattura o scontrino (c.d. parlante), la norma in esame prescrive, invece, il requisito del pagamento tramite bonifico bancario o postale”. Quindi “per quanto riguarda la documentazione delle spese in merito all’acquisto di mobili, elettrodomestici ad alta efficienza energetica, nonché apparecchi televisivi e computer, che siano finalizzati all’arredo di un immobile in ristrutturazione, la disposizione in esame fa riferimento alle stesse modalità previste dalla normativa in tema di ristrutturazioni edilizie
Per saperne di più, clicca
info gov.it
fonte informativa: http://gestcredit.wordpress.com
top